EU Cookie Law

Il segno delle idee

Il mio spazio creativo

Mistificazione governativa

casaSicura720 Gentile primo ministro Gentiloni,
in questi giorni si aggira per l’etere uno spot pubblicitario a favore del bonus “casa sicura”. In Italia il dissesto idrogeologico è pauroso e mettere in sicurezza molte zone abitate (alcune densamente abitate) è un’impresa che travalica la forza umana soprattutto se ci sono “benpensanti” proiettati verso il prossimo condono e la speculazione sulle macerie.
Capisco le agevolazioni fiscali offerte come “preghiera votiva” a coloro che, dovendo ristrutturare la casa o un immobile, potrebbero apportare modifiche ai loro progetti rendendoli sicuri da ogni terremoto (turbamento, nelle preghiere). Ma cosa c’entrano i mobili? Nello spot tanta importanza ha il rimborso per la spesa di mobili ed elettrodomestici.
“Adegua i tuoi mobili rendendoli antisismici, e grazie a casa sicura potrai dedurre fino a85% in 5 anni delle tue spese…”

Ho pensato che mobile stesse per “Casa mobile” – trattandosi di terremoto che la muove – magari danzando sull’aria del Rigoletto e per sicurezza (avrò un bonus anch’io per questa verifica?) ho consultato il dizionario alla voce MOBILE… arredamento o corpo che può essere mosso. Il testo sul “Mit.gov.it” infatti parla anche d’elettrodomestici. Mi arrendo, cadano pure i muri e i pavimenti di tutta la città, mi attaccherò ai lampadari sicuri vicino ad armadi che sosterranno i muri nei quali li ho incastrati e saranno i divani o il letto a sostenere il peso del mio scetticismo!
P.S. Se qualcosa dovesse andare storta, aspetterò i soccorritori sotto il tavolo dove porterò il mio fedele televisore per stare in compagnia e sentire qualche altra barzelletta.
La shakerata Lucia Pulpo
sisma-bonus.jpg.aspx
PRECISAZIONE DOVEROSA:
Gli incentivi sono doverosi, soprattutto nelle zone colpite da calamità naturali. Quello che m’irrita sono i messaggi subliminari di queste comunicazioni. Negli spot televisivi si parla di “mobili antisismici” come se il problema si possa risolvere all’IKEA. Trattasi di mistificazione governativa, “Prendeteci sul serio quando parlate a noi del popolo”.

Comments

  • lucia pulpo Settembre 17th, 2017 at 16:01

    aNGELO qUARANTA ha scritto su Facebook:
    Ciao Lucia commento al vetriolo 🙂 mi piace. Per la verità per sostenere i consumi o alcuni settori, a periodi vi sono state delle agevolazioni ora per le autovetture, (settore quello automobilistico privilegiato, fiat … agnelli capisci amme 🙂 ) oppure i mezzi pesanti (la sabatini), poi per sostenere i consumi vi sono stati gli incentivi sugli elettrodomestici in classe energetica A, poi un sostegno agli impianti di produzione di energia pulita col fotovoltaico. Negli ultimi tempi le agevolazioni sono state concesse anche per gli arredi, un settore importante per il nostro paese, ma con la crisi dei matrimoni, e i giovani che purtroppo scelgano il nord Europa sta attraversando un momento davvero difficile come l’edilizia. Da qui l’esigenza di non trascurare nessun settore. Saluti e complimenti per l’articolo, scorrevole di un sarcasmo sottile, fine.

  • Leonardo Dino Del Giudice Settembre 18th, 2017 at 19:39

    Questa volta: Lapidario; sottoscrivo anche le virgole della tua piacevolissima ed ironica riflessione. Ciao.

  • lucia pulpo Settembre 19th, 2017 at 16:16

    Ciao Leonardo. Sì riflessione ad alta voce!

Your Comment

CAPTCHA: Completa l\'operazione sottostante *