EU Cookie Law

Il segno delle idee

Il mio spazio creativo

Pianeta Marchionne

DI SEGUITO IL PEZZO DI LAURA MATTEUCCI SULL’uNITò DI SABATO 31 LUGLIO, PAGINA 29.
“sERGIO ERA DI SINISTRA”

Qualcuno liberi il Marchione che c’era in lui. Rianimi il brillante e generoso dottor Jekill, soffocato dal torvo ed aggressivo mister Hyde, sperando che non finisca (malissimo) come nel romanzo.
Rivogliamo il Marchionne che quando è arrivato alla Fiat è rimasto allibito delle condizioni dei dipandenti e si è posto l’impegno di umanizzare l’ambiente di lavoro, perchè “a noi stanno a cuore le condizioni dei lavoratori”. Non solo l’ha detto, l’ha pure fatto, tra mense, docce, spogliatoi e l’apertura di Mirafiori baby, il più grande asilo nido aziendale d’Italia. Era settembre 2007, mica il secolo scorso. E qualche giorno dopo, il rissanatore della Fiat aveva dato copertura concettuale a fatti che ricordavano in linea diretta, l’illuminato Adriano Olivetti: ad un incontro per la rivista industria, aveva bacchettato i liberisti di casa nostra, perchè sbaglia, aveva detto, chi vorrebbe il sistema europeo convergere, per migliorare produttività, efficenza profitti, verso il modello americano. Sbagliato e nemmeno auspicabile, secondo il fu Marchionne. PPerchè “in Europa, il terreno culturale è fertilizzato da due condizioni storiche: un’apertura al mercaato recente e un forte senso di responsabilità sociale”. “Ed è proprio il forte senso di responsabilità sociale che ci differenzia dagli USA…Chiunque operi in Europa deve considerare questo particolare contesto sociale e politico”. Chiunque: dunque, anche mister Hyde.

Your Comment

CAPTCHA: Completa l\'operazione sottostante *