EU Cookie Law

Il segno delle idee

Il mio spazio creativo

La Luna di Chengudu

 

 Nel gennaio del 2021, lo spirito del samurai Chan Chun Wu si risveglia dal suo lungo sonno e vaga lungo la zona paradisiaca” ovvero la piana di Tianfu zi guo dove attualmente sorge l’importante città di Chengudu. Seppellito sotto il nuovo cuore economico della Cina, Chan trova la statua terracotta che il gran maestro Ming Mong Mu aveva forgiato con le parti della sua armatura e con parti delle ossa del guerriero prese mentre il suo cuore ancora batteva.

Il risveglio dalla morte vale bene qualche sofferenza. Senza chiedersi se la terracotta fosse proprio della sua statua, iI samurai (il suo spirito) si tuffa precipitosamente dentro il manufatto. Magia o stregoneria, il corpo si anima e inizia a muoversi. Sulla regione è scesa la sera e il nuovo cinese corre sulla valle particolarmente illuminata, fino a quando esausto si sdraia a terra per guardar le stelle. “Dove sono le stelle? Che maleficio è mai questo? C’è troppa luce, due Lune e niente stelle… Due Lune? Sto impazzendo o quell’imbroglione di Ming mi ha mandato in un Inferno senza stelle?” Mentre il vecchio cinese s’interroga sulla qualità della sua terracotta, sulla sua autenticità e sugli insegnamenti del suo maestro, nel cielo notturno che si spande sulla regione che circonda Chengudu dal 2020 troneggerà il nuovo satellite artificiale progettato da Wu Chungfeng.

Comments

  • Mario Pennuzzi Dicembre 18th, 2018 at 15:10

    Due lune compaiono nella bellissima trilogia 1q84 di Haruhi Murakami

  • lucia pulpo Dicembre 21st, 2018 at 14:48

    Sì Mario, ma preferirei rimanessero nell’ambito letterario.

Your Comment

CAPTCHA: Completa l\'operazione sottostante *