EU Cookie Law

Il segno delle idee

Il mio spazio creativo

La candidatura di Arturo

gazebo La trasmissione televisiva “Gazebo”, in onda dalle 20 alle 20,30 circa su RAI3, scherzando ha lanciato l’idea di un nuovo movimento “Arturo”.
Inizialmente ho pensato che anche se virtuale “Arturo” avrebbe contribuito ad alimentare la confusione e la disaffezione (soprattutto dei tanti che seguono la trasmissione). Poi ho guardato i presunti candidati a sindaco nelle prossime elezioni della mia città e ho twittato pro-Arturo.
In quel momento si è aperto un mondo davanti a me.
Ho visto file ordinate di gente sconvolta e dolente: chi si manteneva la testa con le mani, chi saltava sul posto a piedi uniti, chi con le mani giunte chiedeva pietà… ma erano tutti lì, in fila, per entrare nel seggio a votare.
Al posto degli scrutatori c’erano distributori automatici, bastava inserire il proprio certificato elettorale per ricevere in cambio la scheda elettorale bellissima, con colori scelti in base alle esperienze di vita dell’elettore.
Per segnare la preferenza bastava lasciare l’impronta dell’indice della mano destra sull’apposita finestra vicino ai nomi di candidati e sostenitori.
Una volta apposta l’impronta bisognava tornare dal distributore e immettere la scheda per avere indietro il certificato elettorale e il lascia passare per la località cui il nome votato dava diritto.

In troppi siamo finiti nella metropoli bestiale sotterranea, dove ognuno veniva legato a unna macchina e per non rimanerne schiacciato doveva farla lavorare, tenerla accesa in modo da vincere la forza di gravità e lasciarci respirare ancora.
Così mi sono detta: Arturo aiutami tu a non impazzire.

http://www.raiplay.it/video/2017/02/Gazebo-Social-News-afd926ff-3e42-41bc-8b6c-c415df671fec.html

Your Comment

CAPTCHA: Completa l\'operazione sottostante *