EU Cookie Law

Il segno delle idee

Il mio spazio creativo

La Persefone seduta

Dea_Seduta_museo_Berlino__1 Fuori dall’abisso, la luce ti acceca e l’aria ti ubriaca, al punto che ti assale il terrore di perdere l’equilibrio e cascare indietro.
Ti senti sull’orlo del precipizio, sai perfettamente cosa c’è sotto ma non cosa ti aspetta fuori.
Allora ti racconti che sarà bello e starai bene… ma sai di essere al limite e sei abituato a cadere giù.
È un attimo, lo sai, una distrazione… così la luce, l’aria profumata, il canto della vita divengono un attentato alla tua incolumità.
Poi pensi che, finora, hai proceduto su una parete invisibile, con pochi appigli sicuri … ora si tratta di continuare a procedere con più entusiasmo. Non è facile. Più volte il dio Ade mi ha preso per i piedi e trascinata giù nel suo regno come una novella Persefone

la cui madre, Demetra, è riuscita a riportarla alla superficie solo per metà anno. Comunque proverò…. Magari basterà volare per non mettere i piedi a portata di Ade.

Comments

  • Valerio Giugno 21st, 2015 at 09:04

    Lucia, vuoi lanciarci un messaggio?

  • Mauri Giugno 21st, 2015 at 10:23

    Qualsiasi appiglio è utile per rimanere in vita

  • lucia pulpo Giugno 21st, 2015 at 11:21

    Sì… un ramo, una liana… io cita, tu Maurizio… però non mi suona bene

  • Delia Bartolo Giugno 21st, 2015 at 21:14

    Il solstizio d’estate non può che favorire Persefone… Quanto hai scritto è incantevole ed emozionante.

  • lucia pulpo Giugno 23rd, 2015 at 17:58

    Grazie, prof!

  • Antonella Giugno 24th, 2015 at 19:36

    Confermo che e’ bene tenere i piedi lontani da Ade…magari volare e librarsi in volo e’ la soluzione giusta…oppure fingere di essere una bolla di sapone, volteggiare e rincorrere le altre bolle con la speranza di posarsi su un tenero filo d’erba o sul capo delicato di un bimbo che ti guarda incantato

  • lucia pulpo Giugno 26th, 2015 at 08:52

    Poetica Antonella… grazie

Your Comment

CAPTCHA: Completa l\'operazione sottostante *