EU Cookie Law

Il segno delle idee

Il mio spazio creativo

“Polvere rossa” su… Taranto

29768155_alla-vigilia-dell-udienza-per-il-processo-all-ilva-marco-amenta-presenta-oggi-al-festival-di--0Polvere rossa” sarà il film sull’Ilva, un film realistico nello stile e nelle immagini che racconterà le vicende umane che gravitano intorno all’industria Siderurgica di Taranto.

Il regista, Marco Amenta, ha trascorso buona parte degli ultimi 12 mesi, a compiere sopralluoghi nella città dei due mari e tanti problemi, parlando con gli operai, i sindacalisti, i magistrati, gli ammalati, gli ambientalisti… insomma i protagonisti  delle diverse vicende su posizioni anche opposte.

Il regista ha sottolineato, durante la presentazione del progetto “Polvere rossa” al Festival di Taormina, che questo lungometraggio è dedicato proprio alla “umanità dolente” legata al Siderurgico col ricatto occupazionale, con cui convive dignitosamente da anni.

I personaggi sono liberamente tratti dall’esperienza che Amenta ha maturato sul campo, aiutato in questo dai suoi precedenti come fotoreporter e dalla “penna” dello scrittore e magistrato tarantino, Giancarlo De Cataldo.

Infatti la sceneggiatura porta tre firme: quella di Giancarlo De Cataldo, conoscitore profondo dell’animo dei discendenti di Taras, Heidrum Schleef, professoressa di sceneggiatura e autrice di diversi lavori per la televisione, e lo stesso regista.

Amenta ha lavorato come foto-giornalista sia a Palermo che in Francia, dove ha completato gli studi di cinematografia. Conseguenza positiva di questi anni è , probabilmente, la coproduzione italo-francese del film fra la Eurofilm e la prestigiosa Chicfilm, con anche il sostegno economico dell’Apulia Film Commission

Le riprese inizieranno entro la fine dell’anno in corso e dureranno otto settimane.

La realtà inquadrata con obiettività senza preconcetti o buonismi di maniera, dove protagonista non è l’industria ma l’umanità che lotta quotidianamente per sopravvivere immersa in una vicenda complessa e molto sfaccettata tanto da sembrare sfaldata e frantumata… polvere appunto, come quella che svolazza per le strade e impedisce ai bambini (del quartiere Tamburi) di giocare nelle piazzette e nei campi all’aperto.

Il regista ha esplicitamente dedicato la pellicola a Stefano, un operaio dell’Ilva con cui ha parlato molto prima della sua morte avvenuta a soli 39 anni , causata da un tumore alla gola per la polvere infernale che ha dovuto inspirare sopratutto nelle ore di lavoro.

Lucia Pulpo

Comments

  • Delia Bartolo Luglio 4th, 2014 at 21:24

    Notizia di questi giorni: a Taranto la percentuale di mortalità infantile è superiore del 21% rispetto a quella del resto della regione. Bisogna urlare contro la polvere rossa!

  • lucia pulpo Luglio 7th, 2014 at 20:08

    Il dann c’è ma, purtroppo, si sbandierano dati senza che nessuno cerchi di attuare rimedi (chiacchiere a parte)…

Your Comment

CAPTCHA: Completa l\'operazione sottostante *