EU Cookie Law

Il segno delle idee

Il mio spazio creativo

Ammazza che piazza… si può fare!!!!!!!!!!!!!!!!!

Tutti uniti per Taranto”, questo è sempre stato il light motiveche ha animato “Ammazza che piazza”.

Li conobbi lo scorso anno, al loro esordio nella Campagnetta di via Emilia, dove ci sono i resti delle mura greche. Era Settembre quando m’incuriosii a vedere un gruppo di ragazzi che non solo ripulivano quell’angolo adibito “esclusivamente” alle passeggiate dei cani ma lo animavano festosamente fino ad inaugurarlo con una “cerimonia” incredibilmente allegra con sfilata in costume greco, musica e un banchetto a cui aveva generosamente contribuito il vicinato, abitanti e negozianti insieme. Scoprii improvvisamente l’entusiasmo e la vivacità di un movimento che voleva fare e cambiare la città.

A distanza di un anno sono felice di prendere atto che ci sono riusciti. Quel gruppo di ragazzi che sono oltre 4000 su Facebook, hanno rianimato questa città riconsegnandola nelle mani di chi la abita mostrandoci che i luoghi ci appartengono quando li rispettiamo e così facendo rispettiamo ed amiamo noi stessi, noi che siamo parte “viva” dei luoghi su cui siamo cresciuti.

Dall’esordio nel quartiere Italia Montegranaro si sono espansi per tutta la città: il borgo nuovo, l’isola vecchia, Tamburi, Paolo VI, 25/30 piazze in tutto sono state “bonificate” cioè ripulite e rianimate con alberi e piante e dov’è stato possibile sono stati “affrescati” i muri con gli spray dei Writers e sono state organizzate feste come la petttolata di S. Cecilia nella zona Fornace di Taranto vecchia.

Ma le iniziative sono state molteplici come il torneo di calcetto organizzato nel rione Salinella dove sono stati coinvolti i bambini della casa-famiglia di piazza Marconi. La visita al museo Marta, la ripulitura della spiaggia libera del Tramontone.

Il prossimo 4 Settembre festeggeranno tutto questo con un concerto nella ex palestra Ricciardi, nella zona mercatale pattidronomo, in via Lago Maggiore (Salinella). Con loro ci sarà il “comitato dei cittadini e dei lavoratori liberi e pensanti” per illustrare insieme il lavoro svolto e i progetti futuri per il bene comune della città e dei suoi abitanti. All’interno del “Pattidronomo” saranno allestiti banchetti di artigianato locale e nella pista sarà possibile giocare a “Bike polo”con The Howlers.

Intanto il cartellone è straripante di artisti rinomati come Fido Guido, Sud Sound System, Mama Marjas, Miss Mychela, Kykah Emmeagi, Zacalicious, Sciamano e a conclusione Pacefatta per suggellare l’intesa fra arte, bellezza e salute di cui abbiamo un incredibile bisogno.

La democrazia viene dal basso, dal popolo minuto ed Ammazza che piazza è l’esempio concreto che: “si può fare” come diceva lo scienziato pazzo di “Frankenstein junior”. Questo concerto racchiude la forza esplosiva di quell’urlo: “si può fare e lo stiamo facendo”.

Pubblicato su “CosmoPoolis” il 2 Settembre

Il film citato:

Your Comment

CAPTCHA: Completa l\'operazione sottostante *