EU Cookie Law

Il segno delle idee

Il mio spazio creativo

La mia favola

 

Le favole son belle fin quando ci credi

con un moto spontaneo del tuo essere.

Le leggi e non sai di raccontarle

agli altri ed a te stesso.

Tu le reinventi e le vivi

ti immedesimi come fosse una autobiografia possibile

o meglio probabile

sei felice se ne sei convinto

e poi un giorno ti svegli,

un triste giorno di pioggia umida e fredda, non riesci a scaldarti

non puoi pensare ad altro che al particolare

di una parola ripetuta insistentemente

non è così che funzionano le favole,

tutto fila senza tornare indietro

perché tutto è come dev’essere

altrimenti non funziona, non funziona più.

Cala il silenzio

forse una lacrima e un brivido inopportuno,

non è un’interruzione prima del colpo di scena

questa è la fine dei giochi

non c’è motivo di riprendere il racconto,

non ha più senso andare avanti,

la vita non si ferma

sparisce

come le favole che non si avverano

ed è brutto lasciarle andare

perché ogni favola è la tua favola.

Comments

  • Antonella Dicembre 20th, 2011 at 19:18

    “c’era una volta…”. Di solito le favole piu’ belle cominciavano cosi’.Tanti oggi non credono piu’ nelle favole, perche’ le hanno sostituite con le realta’ virtuali, dove tutto puo’ accadere e le identita’ possono essere multiple…ma le favole parlavano di altro e trasmettevano altro!Le favole per me vivono ancora e non e’ detto che non si avverino, forse lo fanno sotto altre sembianze e in tempi lenti, lenti,e crederci e’ proprio di chi si meraviglia ancora e pensa che tutto puo’ sempre accadere!

Your Comment

CAPTCHA: Completa l\'operazione sottostante *