EU Cookie Law

Il segno delle idee

Il mio spazio creativo

Ammazza che piazza

Questa città è nostra, rispettiamola” Taranto, questa frase parla di Taranto… incredibile… Non speravo più di sentire i miei concittadini dichiarare amore alla propria città. Ancora più incredibile è che queste parole non sono state scritte di notte da un writer clandestino e furtivo ma sono stati i ragazzi di “Ammazza che piazza”che hanno colorato, con sentimento, i muri di una delle cinque piazze che hanno pulito e riconsegnato alla vita del quartiere sito intorno alla piazza. Emozionante l’entusiasmo con cui questi giovani e giovanissimi si adoperano per “fare qualcosa di buono” per l’ambiente in cui vivono; i volontari si curano anche di piantare le piante e di far crescere l’attenzione “della gente del vicinato” verso i luoghi di possibile incontro reale e non astrattamente virtuale. Un gruppo di volontari non gerarchicamente ordinato, niente sponsor nessuna influenza strumentale ma tanta voglia di reagire alla rassegnazione che annebbia la “vista” di tanti nostri concittadini. Forse la consapevolezza di fare qualcosa di concreto e tangibile per se stessi e per gli altri, forse il coraggio e l’incoscienza della giovane età, forse la voglia di risanare il loro habitat … non lo so cosa li animi di più ma, finalmente, Taranto non è più soltanto la città malata di diossina ma è anche la madre terra dl una bella speranza di nome: “Ammazza che piazza”.

Comments

  • nicola Ottobre 11th, 2011 at 09:13

    Son contento di vedere che qualcosa si sta svegliando a Taranto.

    Una generazione che comincia a capire che tutto quello che è fuori dalla porta di casa non sempre riguarda gli altri invece di noi stessi.

    Vedendo anche come viene gestita la Società di calcio forse forse La Città dei due Mari comincia a vivere una rinascita civile.

    Incrocio le dita e spero 🙂

  • Antonella Ottobre 11th, 2011 at 10:54

    Evviva per questi ragrazzi ed evviva per loro entusiamo e le loro ammirabili idee e azioni!Finalmente i giovani dimostrano di non essere soltanto quelli che si drogano, bevono e vogliono essere famosi. Questi giovani dimostrano di avere cuore e cervello e di collegarli tra loro in una sinergia splendida!Sono contenta per loro e per te e per taranto. Si comincia a respirare aria buona, aria di rinascita!

Your Comment

CAPTCHA: Completa l\'operazione sottostante *