EU Cookie Law

Il segno delle idee

Il mio spazio creativo

La maledizione della prima nuvola di diossina

  Qualche giorno fa, mi è capitato fra le mani un libro: La città delle nuvole, di Carlo Vulpio; un’inchiesta dedicata ai bambini di Taranto, a quei bambini che, il fantomatico Skanderbeg ha invitato a Chernobyl, garantendo loro un soggiorno salutare, sicuramente più salutare di quanto Taranto possa offrirgli adesso.

Il giornalista del Corriere della sera tratta, con estrema chiarezza, un problema serio che “investe” ed “atterra” la nostra salute ed ipoteca drammaticamente quella de nostri figli.

La gravità dei fatti esposti lascia senza parole, per questo ne voglio parlare attraverso la parodia, un antico esercizio per combattere la rassegnazione del silenzio.

Taranto, una città mitica che si affaccia sul mare e da questo riceve afa e nuvole infor­mi spinte dal vento di scirocco verso terra. In un giorno sudato di ottobre il viaggiatore, prota­gonista di questa storia, camminando nelle campagne subito fuori città s’imbatte in una massa di pecore costrette a salire su furgoni perché destinate al macello, tutte senza di­stinzioni di età o di pelo. Le pecore non sono stupide, non seguono il leader ma tentano di prendere strade differenti, s’impuntano, belano ma alla fine cedono con gli occhi bassi e lucidi. Forse gli occhi appannati sono quelli dell’osservatore perché i furgoni non sono pie­ni di bestiame ma di operai che vanno all’Ilva a lavorare. Cosa è successo? È cambiato il vento! Ora spira un fresco vento di tramontana con nuvole uniformi e cariche di diossina . La diossina è l’emissione d’aria respirata dal drago chiamato Ilva, un signor drago, enorme potente e sempre sveglio per mangiare l’acciaio che i suoi operai gli portano. Sì, i suoi operai perché è il drago che forgia i suoi uomini dalle pecore parassite che vivono a spese di campi incolti, ad operai che lavorano per garantirsi una morte onorevole fra leucemie e tumori.

Il cibo ferroso è accumulato nei parchi ecologici all’interno della cinta muraria del castello, in un giorno ordinario carico di nuvole omogenee il nostro curiosone s’intrattiene a conver­sare con le collinette di polvere ferrosa, animate, pronte a librarsi in aria e danzare oltre i confini della reggia, per portare la buona novella dell’incantesimo del drago, anche, ad al­tre specie di bestiame che, ancora, vivono in cattività nei boschi limitrofi.

Tuttavia, i guardiani del drago sono preoccupati perché il drago non respira al massimo delle sue potenzialità per cui decidono di scrivere alla Procura della Repubblica chiedendo un “aiutino” statale o mondiale… cosa fare per incrementare i respiri del drago?

Altissima, eccellentissima, magnificentissima procura suprema,

il drago Ilva è meridionale, onde per cui è indolente e non esaurisce le nostre aspettative, non produce abbastanza diossina da conquistare tutto l’Universo. Ci rivolgiamo a lei affin­ché possa stu­diare l’ incentivo più idoneo, tramite cui sollecitare il drago siderurgico ad im­pegnarsi, spa­smodicamente, nel rilascio di: diossina, mercurio, arsenico, piombo, benzoa­pirene, policlo­robifenili ed idrocarburi policiclici aromatici con un assaggio di polonio 210.

Ci affidiamo al vostro cuore, certi che non ci lascerete soli ma, sarete risoluti nell’affiancar­ci (al più presto) nel comune cammino verso la fine del mondo!”

Infatti Taranto è il principato di Diossinia, che a sua volta è nella repubblica d’Italia che è in Europa che è parte della Terra che è parte dell’Universo; presto queste differenze saranno cancellate; ci sarà , solo, Diossinia con Taranto capitale.

A pagina 110 Vulppio scrive: “Oggi, invece, i tarantini maledicono il giorno in cui applaudi­rono un’illusione.” Maledizione non scaccia maledizione… che vogliamo fare?

Invia Richiesta
  1. (richiesto)
  2. (email valida richiesta)
  3. Captcha
 

cforms contact form by delicious:days

 

Comments

  • Leonardo Luglio 1st, 2011 at 13:17

    Riflessione amara Lucia; le pecore, “consapevoli” del loro destino cercano di “opporsi”; ma gli “uomini pecora” pur essendo ugualmente “consapevoli”, vanno spontaneamente !! NB Dagli esiti degli ultimi controlli ARPA sembra che la diossina sia “doppia” rispetto a quella ORA consentita, altro che “abbattimento” !!

  • Leonardo Novembre 26th, 2011 at 14:25

    Oggi ho visto pecore, pascolare a non più do 3 Kilometri dal “drago” (sono state “sacrificate” quelle delle masserie più “in vista, mentre non sappiamo nulla delle “altre” che pascolano a pochi passi da noi e dal “drago”).
    Oggi ho fatto visita ad un malato “intaccato dal drago”, (questa non è parodia, ma risponde a verità “cruda”); facevamo notare a questa signora che sicuramente, la malattia aveva come causa (o almeno concausa scatenante) i 30 anni trascorsi dallo stesso marito in vari reparti del “drago”. Ed ora … sorpresa: la signora ha argomentato che sono tutte “chiacchiere” e che, a suo dire, c’è gente che si ammala anche lontano dal drago. Non è servito a nulla farle notare che lontano, ci si ammala 1 su 100000 mentre vicino al “drago” 1 su 10. Non mi permetto di commentare ulteriormente .. Dico solo che qualunque referendum contro il “drago” ci vedrebbe perdenti !!

  • lucia Novembre 26th, 2011 at 19:30

    Caro Leonardo, quel che scrivi è agghiacciante ma in perfetto stile pecora sotto incantesimo …

  • Antonella Novembre 27th, 2011 at 12:10

    non e’ facile dover ammettere che il “signor drago” che ha dato “tanto lavoro”, lo ha fatto chiedendo in cambio salute e vita!ne conosco di gente acceccata dalle sue illusioni e incantesimi,e se qualcosa accade e’ colpa del cibo, dell’inquinamento, ecc di tante altre cose, ma non del signor drago!e’ una verita’ dura e amara da accettare, e’ piu’ semplice bendarsi gli occhi o far finta di non vedere.il lavoro e’ cio’ che rende liberi, indipendeti e soddisfatti,ma non dovrebbe essere piu’ importante della stessa salute e vita.si lavora per morire o si lavora per vivere?

Your Comment

CAPTCHA: Completa l\'operazione sottostante *